20 Novembre 2023

Il concetto di EBITDA, acronimo di “Earnings Before Interest, Taxes, Depreciation, and Amortization” (Risultato Operativo Lordo), riveste un ruolo essenziale nelle Fusioni e Acquisizioni (M&A). Questo indicatore finanziario fornisce una prospettiva chiara sul rendimento operativo di un’azienda, escludendo elementi non ricorrenti. Nell’ambito di M&A, l’EBITDA è fondamentale perché mostra la reale capacità di generare profitti dall’attività principale di un’azienda (core business), escludendo fattori non operativi come interessi, tasse, ammortamenti e svalutazioni. In altre parole, questo dato riflette il flusso di cassa generato dalle normali attività aziendali, senza considerare spese finanziarie o impatti fiscali. Quindi, valutare accuratamente l’EBITDA è cruciale per determinare il valore intrinseco di un’azienda target durante un’acquisizione e ottimizzare l’EBITDA diventa importante per le aziende in vendita desiderose di attrarre potenziali acquirenti. A dimostrazione della rilevanza dell’EBITDA, nel contesto delle valutazioni aziendali, i multipli di mercato, che includono tale grandezza, sono strumenti di pratica comune. Questi multipli aiutano gli investitori a stabilire il valore di un’azienda basandosi sui suoi risultati operativi, insieme ad altre misurazioni finanziarie. Il calcolo dell’EBITDA è cruciale nell’analisi finanziaria ed esistono due approcci principali: uno parte dall’Utile Lordo e incorpora vari fattori come ammortamenti, plusvalenze, e costi non caratteristici (Bottom-up); l’altro parte invece dal Valore della produzione sottraendo i costi delle materie prime, dei servizi, del personale e di funzionamento (Top-down). Tuttavia, il calcolo può essere complesso, richiedendo l’identificazione accurata di elementi non ricorrenti che potrebbero influenzare il risultato finale. L’EBITDA è usato per costruire indicatori finanziari come il rapporto Enterprise Value/EBITDA, utile nella valutazione comparativa delle aziende. Una valutazione bassa suggerisce una possibile sottovalutazione, mentre una alta potrebbe indicare una sopravvalutazione. La scelta dell’EBITDA durante la valutazione può basarsi su un valore puntuale, medio o prospettico, offrendo prospettive diverse sulla performance futura dell’azienda target. Il metodo dei multipli è essenziale nelle valutazioni aziendali, basandosi sulla comparazione tra il valore di mercato di aziende simili e il loro EBITDA. Questo offre un quadro del valore di un’azienda basato su prezzi di mercato per imprese analoghe. Tuttavia, richiede un’attenta selezione di aziende comparabili nel settore, con indicatori finanziari simili, e una profonda analisi dei margini di profitto e degli indici finanziari. In definitiva, solo un’analisi accurata e dettagliata permette una valutazione realistica dell’azienda nel contesto del mercato.

  • LinkedIn
  • Facebook
  • Twitter

Articoli simili

TRANSIZIONE 5.0: DAL 2 APRILE PARTE IL CREDITO D’IMPOSTA

TRANSIZIONE 5.0: DAL 2 APRILE PARTE IL CREDITO D’IMPOSTA

Si avvicina la data dei decreti che permettono alle imprese di investire in sostenibilità e innovazione      Cos’è il Piano Transizione 5.0? Il Piano Transizione 5.0 è un’iniziativa finalizzata a promuovere investimenti in innovazione e riduzione dei consumi...

TRANSIZIONE 5.0: CREDITO D’IMPOSTA PER INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ

TRANSIZIONE 5.0: CREDITO D’IMPOSTA PER INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ

L'Italia avanza verso un futuro più verde e digitale  Le imprese sono chiamate a un salto qualitativo nella strategia della sostenibilità: oggi la #Transizione5.0 è realtà tangibile, grazie al credito d'imposta per investimenti in #digitalizzazione, #innovazione e...

NUOVE REGOLE SU COMPENSAZIONE TRIBUTARIA

NUOVE REGOLE SU COMPENSAZIONE TRIBUTARIA

Una guida essenziale alle modifiche legislative per evitare il loro impatto negativo. La Legge di Bilancio 2024 ha introdotto significative modifiche in tema di compensazioni tributarie, con l’obiettivo di prevenire abusi e facilitare i controlli da parte dell’Agenzia...